AFRICAN LANDSCAPE

JOHANNESBURG

E' la terza città per grandezza del continente africano. A Johannesburg coesistono ancora realtà molto diverse: quartieri ricchissimi, centri commerciali opulenti, larghe autostrade e locali chic si affiancano a sobborghi degradati di estrema povertà. Da non perdere Hillbrow, il primo sobborgo ad essere definito “Area Grigia” ai tempi dell’Apartheid, ossia zona dove i neri e i bianchi potevano convivere. Attenzione ad addentrarsi in questa zona senza una guida, poiché purtroppo il tasso di illegalità è molto alto. Da visitare anche Constitution Hill, uno dei maggiori richiami turistici di tutto il paese: il Vecchio Forte del 1892, un tempo tristemente noto come prigione, è oggi oggetto di rinnovamento urbanistico e vi è stata insediata la nuova Corte Costituzionale del Sudafrica. Il centro cittadino ha visto tempi migliori, ma oggi fa parte di un progetto di recupero e si respira un’atmosfera rara nelle altre zone, con i suoi venditori di strada e il profumo di mais e carne cucinati nelle bancarelle. Newtown è il fulcro del progetto di rilancio del centro urbano, è dominata dal Nelson Mandela Bridge, il più lungo nel suo genere di tutta l’Africa meridionale. L’area è molto animata e viva, ricca di eventi, musei e caffé.

LIMPOPO PROVINCE

Il Limpopo è una destinazione ricca di natura selvaggia con molte riserve naturali adatte ai safari. Sarete circondati da territori sterminati che abbondano di fauna di ogni tipo. Tuttavia ciò che può offrire questa incantevole provincia non si limita alla sola fauna selvatica: esistono anche un interessante passato  preistorico ed un patrimonio culturale che ci svelano le origini di antiche tribù e regni. Il Limpopo è rinomato anche per le sue imponenti montagne, tra cui Soutpansberg e Waterberg. Itinerari e percorsi aprono ai turisti queste meravigliose zone di montagna caratterizzate da antiche formazioni rocciose e paesaggi mozzafiato. Grazie al ricco patrimonio culturale e storico la provincia ha guadagnato la reputazione di terra di grande mistero.

KARONGWE GAME RESERVE

La riserva privata Karongwe si trova in una spettacolare posizione, adiacente al grande Parco Nazionale Kruger, ma anche ai piedi delle maestose montagne del Blyde che fungono da meraviglioso "fondale" alla natura fitta ed incontaminata di questa riserva.

Il Parco Nazionale Kruger è senza rivali per quanto riguarda la diversificazione delle forme di vita che includono oltre ai big five: 300 specie di alberi, 507 specie di uccelli, 147 specie di mammiferi, 114 specie di rettili, 33 specie di anfibi, 50 specie di pesci.

MPUMALANGA

PANORAMA ROUTE

Mpumalanga che in lingua Zulu significa “il luogo del sole nascente”, vanta una grande varietà di cascate, boschi, piantagioni, flora e fauna selvatica. Il suo territorio è in gran parte costituito dalle praterie e dall’altopiano del Middleveld. La Panorama Route attraversa questa splendida regione dai panorami meravigliosi e degli orizzonti a perdita d'occhio. Qui si possono ammirare cascate, ampie vallate, scarpate a picco, insomma alcuni dei più notevoli paesaggi del Sud Africa.

L’itinerario della Panorama Route si snoda dall’impervia catena montuosa dei Drakensberg fino al Kruger National Park, toccando i siti di God’s Window, le Bourke’s Luck Potholes, i Tre Rondavels, le cascate Mac Mac e il Blyde River Canyon. La cittadina più famosa è Pilgrim’s Rest, una specie di museo vivente dedicato all’epopea della corsa all’oro.

CAPE TOWN

Cape Town è situata in una posizione unica al mondo, una scenografica baia che affaccia direttamente sull’Oceano Atlantico e che degrada repentinamente dallo spettacolare massiccio della Table Mountain. Nel centro della città è racchiusa la parte storica: antichi quartieri, il Victoria & Albert Waterfront (vecchio porto convertito in un grande centro commerciale con negozi, alberghi, ristoranti e pub) e le sue imponenti installazioni. Il resto della città è costituita da agglomerati costruiti intorno alla montagna.
Come tantissime città del Sud Africa, Città del Capo è una realtà piena di contrasti: europea nella quotidianità pur senza esserlo veramente, africana ma non totalmente, è una fusione tra il Terzo Mondo e l’Occidente.
L’estrema diversità della sua popolazione e la moltitudine dei suoi quartieri fanno di Cape Town una metropoli meticcia divisa socialmente tra due mondi proprio come lo è, fisicamente, tra due oceani.

PENISOLA DEL CAPO

Un’escursione quasi “obbligatoria” da Cape Town è quella che porta a scoprire la Penisola del Capo di Buona Speranza. La strada costiera che si percorre è un susseguirsi di insenature, calette e spiagge tra le più belle al mondo. Tanti i punti panoramici degni di una sosta. Tra questi uno dei più famosi è Clifton, quattro insenature di spiaggia bianca. Lo scenario continua, poco distante, a Camps Bay dove la spiaggia è enorme, decorata con sabbia e grandi massi, riparata dalla catena montuosa dei Dodici Apostoli. Si prosegue per Hout Bay, gradevole piccolo porto di pescatori e si raggiunge il Capo di Buona Speranza, riserva naturale adesso incorporata al parco nazionale della Table Mountain. Qui si può salire in funicolare o a piedi al faro. La sommità di Cape Point, dove si trova il segnale/monumento che ricorda i km dalle principali città del mondo, è il punto più a sud del continente africano, dove l’Oceano Atlantico incontra l’Oceano Indiano.

VICTORIA FALLS

Le Victoria Falls sono tra le cascate più spettacolari al mondo. Il tratto zambese delle cascate offre un'esperienza completamente diversa rispetto alla sua più famosa controparte nello Zimbabwe. Prima di tutto la vista è diversa: ci si può avvicinare all'acqua camminando lungo un ripido sentiero fino ai piedi della cascata e seguendo stretti passaggi che sfiorano l'abisso. Uno dei punti in cui ci si avvicina di più alla cascata è il Knife Edge Point, che si raggiunge attraversando una passerella e passando attraverso nuvole di spruzzi fino a un'isoletta appuntita in mezzo al fiume. Presso le cascate è praticamente possibile fare di tutto, dal rafting al volo in elicottero proprio sopra le cascate. Nell'area non mancano hotel e camping, circondati da centinaia di simpatiche scimmie e babbuini pronti a fare compagnia. Durante il tour delle cascate sembra di stare immersi in una vera foresta pluviale, con schizzi di acqua continui e con il vapore acqueo che in realtà non vaporizza, ma ricade in tutta l'area. Splendidi ovviamente i continui arcobaleni che fanno da cornice a questi salti d'acqua meravigliosi, in qualsiasi ora del giorno.

CHOBE NATIONAL PARK

Il Chobe National Park, nell’estremo nord est del Botswana, offre senza dubbio gli avvistamenti di animali più affascinanti al mondo. Una particolarità di questo parco è quello di essere il luogo con la maggior concentrazioni di elefanti di tutta l’Africa. Il modo migliore per visitare il Chobe National Park è in veicoli 4x4 e in piccole imbarcazioni lungo le sponde del fiume Chobe, dove si raduna una grande abbondanza di animali tra i quali elefanti, leoni, ghepardi, ippopotami, coccodrilli, bufali, giraffe, antilopi, zebre e ogni sorta di uccelli.

 
 
 
 
 
 
 
 

Cluster Viaggi è un marchio di Cluster s.r.l.

via Carlo Alberto, 32 - 10123 Torino

Tel. +39.011. 56.28.495 - Fax +39.011.56.12.317 - e mail: info@clusterviaggi.it

  • Facebook Clean

Cluster Viaggi assolve l’obbligo di cui all’art. 47 commi 1 e 2 del D.Lgs. 79/2011 essendo assicurata ai fini della copertura per la responsabilità civile professionale con la Compagnia EuropAssistance(polizza n° 8641472) ed ai fini della garanzia nei casi di insolvenza o fallimento dell'organizzatore con il Fondo Garanzia Viaggi (Certificato n° A/272.2676/6/2019/R).

 © 2019 Cluster Viaggi | tutti i diritti riservati | P.IVA IT07530720015